Scuola Antimeridiana

Scuola Pomeridiana

Servizi Educativi e Didattici


Scarica il PDF

presentazione_11_nov_2015__bis

 

La programmazione delle attività educative e didattiche della Scuola Secondaria di Primo Grado, in conformità a quanto stabilito dall’art.3 della Costituzione, dell’art. 1 del Regolamento dell’autonomia n.275 dell’8/03/99 e della legge delega n. 53 del 28/03/2003, si basa su di un’azione pedagogica che risponde ai bisogni, alle capacità, al grado di autonomia e apprendimento di ciascun discente, in coerenza con la personalizzazione del processo formativo.
La Scuola Secondaria di Primo Grado, rispondendo alle recenti disposizioni ministeriali, legge delega n.53/2003 e del D.L.vo 59/2004, accoglie gli studenti nel periodo di passaggio dalla fanciullezza all’adolescenza e rappresenta la fase in cui si realizza l’accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà e come modalità di interpretazione, simbolizzazione e rappresentazione del mondo.
La valorizzazione delle discipline avviene pienamente quando si evitano due rischi: sul piano culturale, quello della frammentazione dei saperi; sul piano didattico, quello della impostazione trasmissiva. Rispetto al primo, le discipline non vanno presentate come territori da proteggere definendo confini rigidi, ma come chiavi interpretative. I problemi complessi richiedono, per essere esplorati, che i diversi punti di vista disciplinari interessati dialoghino e che si presti attenzione alle zone di confine e di cerniera fra discipline. Le esperienze interdisciplinari sono finalizzate a trovare interconnessioni e raccordi fra le indispensabili conoscenze disciplinari e a formulare in modo adeguato i problemi complessi posti dalla condizione umana nel mondo odierno e dallo stesso sapere. La comprensione di specifici temi e problemi, infatti, non si realizza soltanto con l’introduzione ai quadri teorici e metodologici propri di ciascuna disciplina, ma anche mediante approcci integrati, atti a meglio focalizzare la complessità del reale e a promuovere modalità di elaborazione progressivamente più complesse.
Nella scuola secondaria di primo grado vengono favorite una più approfondita padronanza delle discipline e una articolata organizzazione delle conoscenze, nella prospettiva della elaborazione di un sapere integrato.
Le competenze sviluppate nell’ambito delle singole discipline concorrono a loro volta alla promozione di competenze più ampie e trasversali, che rappresentano una condizione essenziale per la piena realizzazione personale e per la partecipazione attiva alla vita sociale, nella misura in cui sono orientate ai valori della convivenza civile e del bene comune. Le competenze per l’esercizio della cittadinanza attiva sono promosse continuamente nell’ambito di tutte le attività di apprendimento, utilizzando e finalizzando opportunamente i contributi che ciascuna disciplina pu  offrire.
Le indicazioni per il curricolo del primo ciclo d’istruzione nascono all’interno di una nuova cornice culturale entro cui ripensare l’esperienza del “fare scuola”. Dare senso alla frammentazione del sapere: questa é la sfida. Una scuola che intende educare istruendo non pu  ridurre tutto il percorso della conoscenza alla semplice acquisizione di competenze. Compito della scuola è educare istruendo le nuove generazioni, e questo è impossibile senza accettare la sfida dell’ individuazione di un senso dentro la trasmissione delle competenze,dei saperi e delle abilità.
La scuola è luogo di incontro e di crescita di persone. Persone sono gli insegnanti e persone sono gli allievi. Educare istruendo significa essenzialmente tre cose:
• consegnare il patrimonio culturale che ci viene dal passato perché non vada disperso e possa essere messo a frutto; • preparare al futuro introducendo i giovani alla vita adulta, fornendo loro quelle competenze indispensabili per essere protagonisti all’interno del contesto economico e sociale in cui vivono; • accompagnare il percorso di formazione personale che uno studente compie sostenendo la sua ricerca di senso e il faticoso processo di costruzione della propria personalità.
Questa è la via italiana all’Europa e all’acquisizione delle competenze indicate a Lisbona. Nell'”educere”, nel tirar fuori ci  che si è e nella relazione con gli altri, si impara ad apprendere. Obiettivo della scuola è quello di far nascere “il tarlo” della curiosità, lo stupore della conoscenza,la voglia di declinare il sapere con la fantasia, la creatività, l’ingegno, la pluralità delle applicazioni delle proprie capacità, abilità e competenze.
Solo se non si rinuncia ad educare istruendo si pu  mettere veramente a frutto l’unicità e l’irripetibilità di ogni singolo individuo. Solo così ogni persona pu  essere protagonista e costruire il proprio futuro in modi plurali, diversi ed innovativi. Per raggiungere questi obiettivi resta centrale l’acquisizione della cultura scientifica così come la valorizzazione dell’istruzione tecnica e professionale, campi nei quali il nostro Paese ha costruito le fondamenta del proprio sviluppo.
L’ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO – Il curricolo si delinea con particolare attenzione alla continuità del percorso educativo dai 3 ai 14 anni. Il curricolo viene predisposto all’interno del Piano dell’Offerta Formativa, nel rispetto delle finalità, dei traguardi per lo sviluppo delle competenze, degli obiettivi di apprendimento posti dalle Indicazioni nazionali. Nella scuola del primo ciclo la progettazione didattica promuove l’organizzazione degli apprendimenti in maniera progressivamente orientata ai saperi disciplinari; promuove inoltre la ricerca delle connessioni fra i saperi disciplinari e la collaborazione fra i docenti. Il raggruppamento delle discipline in aree indica una possibilità di interazione e collaborazione fra le discipline ,sia all’interno di una stessa area, sia fra tutte le discipline. PROGETTO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 1. Villa Flaminia “College”
Sul modello dei “colleges” inglesi e dei “Campus” americani, Villa Flaminia è una “scuola aperta”, con orari flessibili, dalla mattina alla sera, nella quale i ragazzi sono felici di vivere come nella loro “seconda casa”.
2. Villa Flaminia “Scuola dalla mattina alla sera”
La tradizionale distinzione tra “scuola” e “doposcuola” è stata sostituita dall’intuizione lasalliana di “scuola dalla mattina alla sera”, cioè di “scuola antimeridiana” e “scuola pomeridiana”.
SCUOLA ANTIMERIDIANA
Oltre alle discipline previste dall’ordinamento scolastico, in orario curricolare sono attivate:
1. Seconda ora di Religione 2. Cinque ore di inglese settimanali 3. Latino (classi seconde e terze) 4. Lingua spagnola 5. Informatica in inglese 6. Nuoto 7. Settimana corta
L’orario scolastico è modulato su cinque giorni della settimana, dal Lunedì al Venerdì, per consentire agli studenti di vivere più intensamente la vita con la famiglia il sabato e la domenica.
Scansione dell’anno scolastico
L’anno scolastico è diviso in quadrimestri (con due valutazioni infraquadrimestrali).
Colloqui antimeridiani con i docenti
Durante la settimana, per un’ora, gli Insegnanti ricevono a colloquio i Genitori, secondo il calendario e l’orario predisposti dalla Presidenza.
Colloqui pomeridiani con i docenti
Sono alla fine del primo quadrimestre
Attività scolastiche e tempo libero
1. Visite culturali 2. Viaggi di istruzione 3. Settimana Bianca 4. Viaggi e vacanze-studio all’estero.
che, alla fine dell’anno, si trovano in situazione di una o più insufficienze nel profitto. La verifica (scritta e orale) viene effettuata a settembre, prima dell’inizio dell’anno scolastico.
SCUOLA POMERIDIANA
Nel pomeriggio, l’Istituto propone il “Tempo scolastico prolungato”, cioè:
1. lo studio assistito (svolgimento dei compiti e studio delle lezioni); 2. l’accesso agli “sportelli” delle varie discipline, coordinati dai Docenti; 3. gli interventi di sostegno, recupero e potenziamento delle eccellenze; 4. la consultazione della Biblioteca e l’utilizzazione dei laboratori; 5. la partecipazione ad «Attività educative, culturali e sportive », per la realizzazione di un «Progetto educativo personalizzato».
ATTIVITÀ EDUCATIVE E CULTURALI POMERIDIANE
Oltre allo «studio assistito», gli studenti possono scegliere:
1. Accademia musicale: studio degli strumenti musicali 2. Attività religiose: gruppi dell’amicizia 3. Attività sportive (presso il Centro sportivo “Villa Flaminia”) 4. Centro Lingue “Villa Flaminia”
 5. Coro “Voci bianche” 6. Laboratorio artistico 7. Scuola di danza 8. Campionato interno di pallavolo femminile 9. Campionato interno di calcio
La scelta delle “attività” pomeridiane viene fatta dai genitori, tramite una “scheda” .
SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI
CENTRO LINGUE “VILLA FLAMINIA”
1. Centro Lingue DE LA SALLE
2. Scuola di lingua spagnola (collegata all’Istituto Cervantes)
Al Centro Lingue possono iscriversi, oltre agli studenti, anche i Docenti, le famiglie, gli ex-alunni e gli amici.
SERVIZIO BAR
Il bar è aperto per gli studenti, i docenti e le famiglie.
MENSA SELF-SERVICE
La mensa è aperta anche ai Sigg. Genitori e alle Famiglie.
SERVIZIO VENDITA: ABBIGLIAMENTO, CANCELLERIA, LIBRI
L’ufficio vendita è aperto tutti i giorni dal mese di settembre. Il materiale di cancelleria (penne, quaderni…) si pu  acquistare presso la rivendita, adiacente al bar, tutti i giorni dell’anno scolastico. I libri scolastici per l’anno successivo si prenotano in Segreteria.
“SERVIZIO PSICOPEDAGOGICO”
Si svolge settimanalmente il Martedì, con inizio ad Ottobre.